Notizie in evidenza

Lombardia: la Regione si impegna ad ampliare la prescrizione del test BRCA a tutte le donne affette da tumore ovarico indipendentemente dall’età e dalla storia familiare

La Giunta Regionale della Lombardia ha approvato una mozione con cui si impegna ad ampliare l’eleggibilità al test BRCA a tutte le pazienti lombarde con diagnosi di carcinoma ovarico indipendentemente dall’età e dalla storia familiare  e di consentire anche agli oncologi, oltre ai genetisti, la possibilità di prescrivere il test BRCA in modo da accorciare i tempi tecnici della presa in carico.

La mozione è stata proposta dall’Intergruppo Consiliare Lombardo nato su richiesta del progetto sulla tutela dei pazienti oncologici “La salute un bene da difendere, un diritto da promuovere” coordinato da Salute Donna Onlus al quale Acto onlus partecipa insieme ad altre 14 associazioni.

La mozione è stata sottoscritta dai consiglieri: Massimiliano Romeo (Lega Nord), Enrico Brambilla (PD), Stefano Bruno Galli (Maroni Presidente), Riccardo De Corato (Fratelli D'Italia), Maria Teresa Baldini (Misto-Fuxia People), Chiara Cremonesi (SEL), Elisabetta Fatuzzo (Pensionati), Fabio Rolfi (Lega Nord), Silvana Santisi in Saita (Lega Nord), Angelo Capelli (Lomb. Pop.), Anna Lisa Baroni (FI PdL), Sara Valmaggi (PD).

Ora ci attendiamo che la Giunta Regionale Lombarda renda questo concreto questo impegno in una delle prossime delibere consentendo così a tutte le pazienti di accedere alle terapie innovative con Parp Inibitori  e ai loro familiari di intraprendere percorsi di prevenzione e/o di rischio riduzione.

Come noto, aver ereditato la mutazione BRCA aumenta fino a  50 volte il rischio di contrarre un tumore ovarico e , in assenza di strumenti validi di diagnosi precoce della malattia, il test BRCA oggi è l’unica opportunità di prevenzione disponibile per una malattia molto grave  che ancor oggi  è caratterizzata  da elevati livelli di mortalità. 

In Lombardia il test viene effettuato entro il Sistema Sanitario Nazionale ed è gratuito sia per le pazienti  con diagnosi sia per i loro familiari.

 

Partner: